Home » , , , » Cibo gratis per i bisognosi, negato a migranti e rom. Vergognosa iniziativa a Montesilvano

Cibo gratis per i bisognosi, negato a migranti e rom. Vergognosa iniziativa a Montesilvano

immagine tratta da Indymedia Abruzzo
Ce lo ripetiamo continuamente: la sinistra deve tornare in strada. Deve tornare a fare politica tra la gente. Deve, la sinistra, mostrarsi utile, far vedere di esserci dove ce n'è bisogno ed il bisogno è quello quotidiano dell'indigenza, della precarietà del lavoro, dell'assenza dei servizi elementari di assistenza.
Bisogna tornare in strada perchè anche culturalmente se ne sente il bisogno, e il dilagare della Lega Nord nel Settentrione d'Italia e le manifestazioni dei più diversi razzismi in tutta la Penisola, sono una evidente espressione di quella necessità.

Se non lo farà la sinistra, quello spazio scavato dalle necessità quotidiane non risolte sarà occupato dai gruppi portatori di discriminazioni e del capro espiatorio sempre pronto da dare in pasto alla gente, quale facile soluzione per placare i tormenti dei loro disagi.

Un esempio di come pillole di veleno vengano instillate nelle menti delle persone, ci sarà il prossimo 28 norvembre a Montesilvano (PE), quando Forza Nuova spargerà la sua velenosa propaganza xenofoba, distribuendo cibo e generi di prima necessità ai bisognosi, ma solo se italiani e non appartenenti ad etnia rom.
E' la pillola zuccherata della violenza xenofoba. Questi fascisti, in un tempo, si mostreranno comprensivi dei disagi vissuti quotidianamente dalle persone ed indicheranno immigrati e rom quali cause di quel disagio. Quel giorno i forzanovisti vomiteranno i loro deliri xenofobi direttamente in faccia alle persone, con le loro paure quotidiane a fare da filtro per il tanfo della violenza insito nell'iniziativa.

In casi come questi, se arriva il contributo di un quotidiano all'iniziativa, nel caso specifico Il Centro, il più diffuso in Abruzzo, allora siamo davvero allo sbando culturale. Al coma della ragione. Quel giornale, infatti, ha pubblicato la manifestazione di Forza Nuova come fosse un'inserzione pubblicitaria. Verrebbe da accusarlo di favoreggiamento della diffusione di sentimenti xenofobi. Il Centro, non ha fatto un articolo sull'iniziativa, non ha spiegato cosa si sta organizzando, non ha supposto i possibili effetti politici e sociali della manifestazione, non ha dato voce a chi tra qualche giorno subirà una umiliazione autorizzata. Quel quotidiano, pubblicando l'iniziativa nuda e cruda, riportando tra virgolette solo le parole del coordinatore provinciale di Forza Nuova, ha praticamente promosso una squallida iniziativa fascista. Si è reso complice di una campagna xenofoba.

2 commenti:

  1. In linea perfetta con l'orientamento andante. Ci si adatta ai tempi, babe!

    RispondiElimina
  2. banalmente mi verrebbe da dirti, quale sinistra lo dovrebbe fare? Quella tutta tesa a preparare l'accordo con il Pd o quella persa dietro il proprio fallimento che è ancora divisa in quattro cinque partitini microscopici e si federa invece di trovare un punto d'incontro per unirsi?
    O la sinistra fatta di singoli che si impegnano, spesso, girando a vuoto per ricreare un contatto con la gente? Non so, ramingo, nemmeno a quale sinistra mi posso rivolgere. Spero che qualcuno o qualcosa ci ridia una identità.

    RispondiElimina

Like us on Facebook
Follow us on Twitter
Recommend us on Google Plus
Subscribe me on RSS